MontesacroToday

Valentina Col, l'ultimo saluto nella sua Montesacro

La famiglia, gli amici, i compagni di scuola e della pallavolo riuniti a Piazza Sempione per il funerale della giovane: "Vivi nel cuore di chi resta"

“Uno spazio ampio che possa accogliere tutti gli amici di nostra figlia”- questo era l’auspicio dei genitori di Valentina Col, la 17enne deceduta all’ospedale di Orbetello in seguito ad un’embolia polmonare sulla quale ancora si indaga.


E così è stato. Ieri sulle note di “Ho imparato a sognare” di Fiorella Mannoia, il feretro di Valentina è stato accolto da una folla silenziosa e commossa riunita a Piazza Sempione, nel cuore di Montesacro, il quartiere che lei amava vivere.


Sulla facciata del Municipio due foto della giovane e uno striscione: “Chi vive nel cuore di chi resta non morirà mai”; al lato della piazza un’altra dedica, quella del fidanzato Emanuele “La mia vita. Il mio amore. Il mio cuore. Ciao Vale”.


Tanti gli amici, i compagni di scuola e quelli della pallavolo presenti alla cerimonia: immancabili le divise arancioni della Giro Volley e quel pallone con le firme della squadra deposto tra i fiori e la bara, insieme alla maglietta della nazionale di volley che la Federazione - presente con alcuni rappresentanti - ha voluto regalare a Valentina che di quello sport era follemente innamorata.


Una cerimonia laica, composta e commovente nel ricordo di una ragazza scomparsa troppo presto e in modo inspiegabile. Tanti gli interventi di chi ha voluto darle l’ultimo saluto con una lettera e condividere con tutti i presenti alcuni ricordi della giovane.


Toccanti le parole della sorella, del fidanzato e dei genitori: “Voglio ricordare l’eleganza di anima e corpo, sapevo di essere importante per te. Oggi sono qui a celebrare te e non viceversa: che destino crudele. Dovevamo partire insieme per un viaggio e invece sei partita per un’altra destinazione” – ha detto papà Massimiliano.


Struggente il saluto della mamma: "Valentina figlia, atleta,studentessa, fidanzata. La chiamavamo la nostra principessa sul pisello – ha ricordato sorridendo - perché era schizzinosa. D'ora in poi vivrò per me e per te, con quattro occhi e quattro mani, farò le cose quotidiane per me e per te, per non deluderti mai, addio principessa".


Il feretro ha poi lasciato la Piazza tra le note delle canzoni preferite di Valentina nel cui ricordo i genitori vorrebbero il recupero della palestra dell’ex Gil di viale Adriatico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


In tal proposito la famiglia ha avviato una raccolta fondi (c.c. 293 presso il Credito Valtellinese ag. 5 di Roma, intestato ad AssSport IV, IBAN: IT19V0521603205000000000293, causale per Valentina): “Un’iniziativa – hanno detto – che già sta avendo un grande successo e per il quale vorremmo ringraziare tutti. Il sorriso di Valentina continuerà a vivere in quello di tutti i ragazzi che potranno usare quello spazio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Scuola, nel Lazio il rientro è a ingressi scaglionati: ecco le fasce orarie

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento