MontesacroToday

Parco delle Sabine, "ultima chiamata": i residenti si autotassano contro incuria e rischio incendi

Dagli abitanti la raccolta fondi per provvedere allo sfalcio del verde selvaggio: "Non subiremo situazione indegna e di forte pericolo"

Da una parte l'annoso contenzioso tra costruttori e Comune, dall'altra i residenti costretti da sempre a subire le conseguenze di questo braccio di ferro tra opere incomplete e manutenzione inesistente, tanto nulla da gettare l'intero quadrante di Parco delle Sabine nell'incuria più totale. Erba alta, incolta e selvaggia: ricettacolo di pericoli e rischi con gli incendi estivi a fare paura. 

Parco delle Sabine si autotassa contro incuria  e pericoli

Una situazione insostenibile con gli abitanti a porsi come unico argine alla degenerazione delle condizioni del quartiere. Così tra le palazzine di Porta di Roma è stata avviata una raccolta fondi da destinare allo sfalcio del verde che circonda le abitazioni. I lotti sono stati divisi in zone di colori diversi: per ognuna un referente.

L'ennesima autotassazione per chi pensava di acquistare casa in un paradiso verde, moderno e funzionale e oggi invece si ritrova in un quartiere dormitorio sprofondato nel limbo delle competenze. 

Il costruttore è fallito, il Comune "assente": i residenti si autotassano per sfalciare Parco delle Sabine

L'ultima chiamata dei volontari: "La situazione sta degenerando"

Una zona che però non si arrende ad un destino segnato dallo scontro tra privati e pubblico. Da qui l'azione dei residenti: "Un'ultima chiamata" - scrive l'associazione dei volontari del Parco delle Sabine denunciando le condizioni del quadrante. 

"La situazione sta degenerando a vista d'occhio. Erba alta un metro praticamente ovunque. Ancora qualche giorno e se ne il Comune di Roma ne i costruttori dovessero intervenire con lo sfalcio, i residenti saranno costretti ancora una volta ad autotassarsi per mettere in sicurezza le proprie abitazioni ed il proprio parco. Nessuno - spiegano i volontari - vuole sostituirsi ai diretti responsabili, ma un'intervento di sfalcio è ora più che mai necessario a garantire l'incolumità e la sicurezza di chi vive e frequenta il Parco delle Sabine". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sfalcio del verde per evitare gli incendi

Lo scopo infatti è quello sì di avere un quartiere curato e decoroso, ma anche di evitare il pericolo degli incendi estivi che già negli anni scorsi hanno distrutto ettari di verde con le lingue di fuoco a sfiorare in modo spaventoso quelle palazzine che oggi si organizzano "per evitare di dover subire una situazione indegna e di grave pericolo". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

  • Coronavirus, a Roma troppi casi dal Bangladesh: D'Amato chiede più controlli sui "voli internazionali"

Torna su
RomaToday è in caricamento