MontesacroToday

A Montesacro il sentiero 'da salvare' in ballo da mesi, si sveglia il Comune: "Finalmente batte un colpo"

L'assessore Pietro Calabrese ha convocato un tavolo sulla questione, il Municipio III incalza il Campidoglio: "Porteremo elementi che affermano principio di legalità per tutti"

"Finalmente Roma Capitale batte un colpo". E' la risposta del Municipio III all'annuncio dell'assesore alla Mobilità, Pietro Calabrese, sulla convocazione di un tavolo sulla questione di via Favignana

Via Favignana: il sentiero "da salvare"

Una vicenda che si trascina da tempo quella del sentiero di Città Giardino che parte del quartiere, con in testa alcuni residenti e associazioni ambientaliste, vuole "salvare": sì all'originaria vocazione ciclopedonale, no alle auto in ingresso nei box della palazzina in legittima ristrutturazione su via Monte Gemma. 

Sui presupposti del permesso a costruire, ed in particolare sulla carrabilità della strada, i dubbi del Municipio III che aveva pure imposto il divieto di transito. Provvedimento revocato con il condominio coinvolto nella ristrutturazione edile a fare e vincere il ricorso al TAR. 

I dubbi del Municipio III sulla carrabilità della strada

“Il permesso a costruire è legittimamente esistente perché lasciato sul presupposto che quella strada sia carrabile ma abbiamo un dubbio che lo sia” - il nocciolo della questione spiegato dal presidente del Municipio III, Giovanni Caudo, davanti ai residenti. 

Così sull'affaire di via Favignana, tra ricerca di vecchie planimetrie e documentazioni attuali, tutti vogliono fare chiarezza. Comune incluso. Giovedì scorso il sopralluogo dell'assessore Calabrese.

Il Municipio III incalza il Comune: "Su via Favignana vinca legalità"

"Finalmente" - commenta l'assessore all'Attuazione Urbanistica e Mobilità del Municipio III, Stefano Sampaolo

"E’ da agosto del 2018 che in forme diverse, con lettere, convocazioni in commissione trasparenza, richiesta di incontri con i cittadini, convocazioni presso l’avvocatura e non ultimo il giudizio del TAR,  il Municipio è impegnato in una battaglia di legalità a fianco dei cittadini. Fino ad oggi da Roma Capitale, e in particolare dal Dipartimento PAU, solo silenzi o carte per rinviare ad altri il problema" - polemizza l'esponente della Giunta Caudo. 

"Caro Assessore Calabrese noi siamo pronti, convochi il tavolo il prima possibile. Tuttavia al momento non ci risulta ancora alcuna convocazione e neanche la Polizia Locale, come ci ha detto il comandante Sozi, è stata coinvolta. Se si fa sul serio - ha aggiunto Sampaolo - il Municipio porterà al tavolo gli elementi in base ai quali in questi mesi abbiamo motivato i nostri atti per affermare il principio di legalità a favore di tutti. Aspettiamo quindi la convocazione del tavolo, ma nel frattempo, a quanto ci risulta, i lavori (che in base a quanto riportato dal Campidoglio sarebbero stati sospesi per cinque giorni dopo il riscontro di alcune irregolarità ndr.) proseguono". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Cassia, auto contro un pilone: due morti

  • In bilico sul balcone si lascia cadere nel vuoto, salvata dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Incidente a Colli Albani: investita mentre attraversava sulle strisce, così è morta Alessia

  • Incidente a Colli Albani, autocarro investe e uccide 42enne in via Menghini

  • Sciopero, oggi a rischio bus Cotral e Roma Tpl: gli orari e le linee interessate

  • Incidente sulla Cassia, Roma nord piange Alessandro e Marco

Torna su
RomaToday è in caricamento