MontesacroToday

Villa di Faonte, inaugurati i parchi: ora si attende il polo museale e archeologico

Le aree verdi di via Villa di Faonte e via Passo del Turchino restituite ai cittadini, il prossimo inverno attività culturali nei Casali

Le inferriate che per lungo tempo li hanno interdetti ai cittadini hanno lasciato il posto alle staccionate in legno, di quell’erba incolta e ricca di insidie non v’è più traccia: ecco invece viottoli col brecciolino, panchine sin da subito popolate e nel mezzo una coloratissima area ludica che sembra già piacere ai bambini. Così si presenta adesso il parco di via Passo del Turchino, inaugurato insieme all’area verde di via Villa di Faonte.

Spazi pubblici che l’omonimo quartiere richiedeva già da tempo reputando inaccettabile lo stato di degrado e abbandono in cui si trovavano. Mesi di iter burocratici, commissioni e collaudi, con il pungolo insistente del Comitato dei cittadini: così da venerdì il quartiere tra Vigne Nuove e Montesacro ha finalmente ottenuto l’apertura dei tanto agognati parchi.

“Siamo contenti di questo primo passo, adesso attendiamo il parco archeologico e i Casali perché non vogliamo che il nostro sia un quartiere dormitorio ma una zona viva e vivibile”- ha detto il presidente del CdQ, Marco Befani, ringraziando quanti si sono impegnati per il risultato e senza risparmiare qualche critica al Municipio III, reo di non aver reso troppo partecipi e informati i cittadini in questi lunghi mesi di riunioni e espletamento di pratiche varie.

"Grazie all'operato della maggioranza e della nostra Assessore all'ambiente e Vicepresidente Gianna Le Donne siamo riusciti a conseguire un grande risultato per il nostro territorio e per tutti i residenti che potranno finalmente usufruire di un'area ricreativa fino ad oggi abbandonata all'incuria e al degrado" - il commento dei consiglieri di SeL, Lucidi e Milita.

“Questo un luogo ordinato e civile che potrà rappresentare un polo di aggregazione per il quartiere” – ha commentato il presidente della Commissione Lavori Pubblici del Municipio III, Fabio Dionisi, appellandosi al buon senso di tutti affinchè il decoro dell’area venga mantenuto. A oggi infatti l’ordinaria manutenzione è in carico al costruttore che dovrà provvedere allo svuotamento dei cestini e allo sfalcio dell’erba.
 

Villa di Faonte si rimette così a nuovo: il passo successivo sarà l’apertura del parco archeologico per il quale sarà prima necessaria la messa in sicurezza dei numerosi reperti e dell’ipogeo. Fra un paio di mesi poi toccherà ai Casali prendere vita: le tre strutture saranno destinate ad eventi culturali di ogni genere, antiquarium e progetti europei legati all'archeologia sociale saranno già attivi dal prossimo inverno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento