MontesacroToday

Tufello: scritte e simboli neofascisti fuori la sede dello storico Centro di Cultura Popolare

Dopo il caso di Talenti un nuovo episodio nel Municipio III: Caudo: "Ancora intimidazioni di estrema destra nel territorio"

Scritte e simboli che rimandano alla galassia neofascista sono apparse in via Capraia. Sono state realizzate a ridosso del Centro di Cultura Popolare del Tufello. Per l'esattezza, sono state scarabocchiate a fianco alla porta d'ingresso della storica sede e sul muretto che ne perimetra il piazzale antistante.

Il secondo caso in pochi giorni

L'episodio non è passato inosservato. Come ha fatto notare Giovanni Caudo, candidato presidente del centrosinistra alle prossime elezioni municipali, si è trattato di  "un nuovo caso d' intimidazione di estrema destra nel territorio del III Municipio" fatto registrare "dopo quello di pochi giorni fa a Talenti". Il riferimento è alle croci celtiche ed alla svastiche che, in quel caso, sono comparse fuori la sede del Partito Democratico di via Verga

Le scritte al Tufello

"Questa volta il bersaglio è stato il Centro di Cultura Popolare del Tufello che è stato oggetto di scritte inneggianti a una organizzazione di estrema destra, croci celtiche e minacce. Il centro ieri sera aveva organizzato, come fa abitualmente, un'iniziativa culturale aperta al quartiere - ricorda Giovanni Caudo -  durante la notte sono apparse le scritte. Oltre ad esprimere tutta la mia solidarietà agli animatori del Centro di Cultura Popolare del Tufello, ribadisco la necessità di non sottovalutare questi episodi che si verificano troppo frequentemente nel territorio del III Municipio".

Il bersaglio dell'episodio intimidatorio

Il Centro di Cultura Popolare di via Capraia ha aperto in un locale dell'Ater nel lontano 1975. Da allora opera in un territorio, il III Municipio, che conta una popolazione più numerosa di molte provincie italiane ma che, ricorda l'associazione del Tufello,  "colpevole indifferenza delle istituzioni che fin qui lo hanno amministrato, risulta sguarnito di strutture socio-culturali pubbliche". Un vuoto che le quarantennali iniziative del CCP hanno provato a colmare, con l'obiettivo dichiarato di "far crescere nel quartiere la coscienza dei propri diritti". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • ad ogni tornata elettorale sempre nello stesso punto vengono denunciate scritte di destra sempre nello stesso muoro e dai la caccia al fà....ma non è che ogni volta sono gli stessi compagni a farle per poi attaccare? a me sembra che nel municipio gli unici atti di violenza sono quelli dei compagni che puntualmente escono dai loro covi per attaccare i banchetti di qualsiasi formazione di destra che a loro non piace e questo si ripresenta ogni tornata elettorale come già accaduto anche in questi giorni mentre non si legge mai il contrario...

  • magari sono ragazzate senza senso . Io negli anni 80 sono stato vittima di violenze di estrema destra e non certo subendo delle scritte su un muro

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Collatina vecchia il giorno dopo l'incendio brucia ancora. Della Casa: "Atto criminale, pene severe"

  • Cronaca

    Incendio via Collatina vecchia, a febbraio lo sgombero poi l'area è finita abbandonata senza bonifica

  • Politica

    Via Collatina vecchia e l'abbandono prima dell'incendio: chiesti chiarimenti ad Ama per la mancata bonifica

  • Politica

    Salva-Roma, Lemmetti: "Senza interventi in parlamento, il bilancio rischia il crollo"

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • 25 aprile a Roma: strade chiuse e bus deviati per il giorno della Liberazione

  • Marco Vannini, l'omicidio del giovane di Ladispoli in uno speciale de Le Iene. On line c'è chi rimorchia con la sua foto

  • Miracolo al binario 14: infarto dopo corsa per prendere il treno, 33enne salvato a Termini

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

Torna su
RomaToday è in caricamento