MontesacroToday

Tufello, cancellato storico murale: minisindaca furiosa, ma a chiederlo è stata sua assessora

La richiesta al SIMU in una nota dell'assessora Contini

il murale di Virginio Vona al Mercato Tufello

Cancellato insieme alle altre scritte, finito sotto uno strato di vernice bianca proprio come tag e volgarità lasciate da ignoti writers: così al Tufello è stato cancellato lo storico murale di Virginio Vona, artista di fama internazionale al quale addirittura Parigi ha concesso un muro da trasformare in opera d'arte. 

A Roma no. I suoi murales sulle pareti esterne del Mercato Tufello sono stati cancellati in una notte e con essi trent'anni di storia e di ricordi dei ragazzi della sua generazione. 

"Sono amareggiato per questo scempio" -aveva commentato laconico Vona apprendendo della cancellazione del murale. 

Un'amarezza espressa anche dalla minisindaca Capoccioni che, con la sua Giunta, stava giusto pensando di donare una targa allo street artist in occasione dell'inaugurazione della sua mostra a Roma. 

Tufello, murale cancellato: minisindaca a caccia dei "responsabili"

"Apprendo con amarezza che l'apprezzato murale opera dell'artista Virginio Vona, che decorava il Mercato Tufello, è stato cancellato in un impeto di sciocca solerzia. Sarà dunque compito mio e della mia Giunta individuare le responsabilità per questo intervento: non richiesto, inopportuno e che ha fatto perdere a tutti noi qualcosa di bello e dunque importante" - ha scritto in una nota la presidente del Municipio III. 

Al Tufello "hanno ucciso l'uomo ragno": cancellato (per errore) lo storico murale

Murale cancellato: la richiesta partita dal Municipio III

Ma Capoccioni non dovrà andare lontano da Piazza Sempione per individuare il "responsabile" dell'intervento: a richiederlo infatti, con una nota di inizio luglio rivolta al SIMU, la sua assessora ai Lavori Pubblici Annalisa Contini. Tra gli interventi richiesti nel documento anche "il ripristino del decoro delle mura del mercato Tufello imbrattate da scritte varie": nessun accenno alla salvaguardia dei murales di Vona finiti così sotto le mani di bianco degli operai del Comune.

Dunque "responsabile" dell'impeto di "sciocca solerzia" rintracciato: proprio a Piazza Sempione, nella Giunta della minisindaca furiosa e amareggiata per la cancellazione del murale. La stessa voluta dal suo Municipio.

L'accusa della consigliera grillina: "Mano destra non sa che fa sinistra"

Una vicenda, quella dell'opera di Vona rimossa, che ha riaperto le ferite nella maggioranza grillina del terzo. A non risparmiare critiche alla Giunta la consigliera "dissidente" e presidente della Commissione Ambiente, Francesca Burri: "Questo è un chiaro segno che forse manca ben altro da tempo. Quando dico 'che la sinistra non sappia ciò che fa la destra' è quasi un monito a non vantarsi delle proprie azioni pensando a consegnare targhe con un territorio devastato" - ha scritto la consigliera rendendo nota la richiesta di decoro di Contini.

"Apprezziamo invece quando i Dipartimenti accolgono le istanze, ripulendo pareti peraltro - ha sottolineato Burri plaudendo all'intervento - richieste da noi". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

Torna su
RomaToday è in caricamento