MontesacroToday

Seneca e l'Odissea per parlare di migranti: "sciopero alla rovescia" anche al Liceo Orazio

Nel liceo di Talenti la didattica "convenzionale" ha lasciato spazio al dibattito e alla riflessione su migrazioni e crisi contemporanee

L'Odissea riletta in chiave contemporanea, riferita alle esperienze di quanti affrontano le insidie del mare per fuggire dal paese di origine alla ricerca di una vita migliore e più dignitosa; la Consolazione alla madre Elvia di Seneca per introdurre il fenomeno delle migrazioni: questa mattina al Liceo Orazio la didattica "convenzionale" ha lasciato spazio al confronto e al dibattito sulla complessa vicenda dei migranti nel Mediterraneo. Docenti e studenti uniti per riflettere su uno dei grandi temi di oggi.

"Sciopero alla rovescia" anche al Liceo Orazio

Uno "sciopero alla rovescia" che ha risposto all'appello dei docenti del Liceo Amaldi di Tor Bella Monca che nei giorni scorsi, con i migranti bloccati sulla SeaWatch3 e la chiusura del Cara di Castelnuovo di Porto, avevano chiesto ai colleghi, ai presidi e agli studenti "di dare un segnale di preoccupazione e riflessione" trasformando le prime due ore di lezione in uno sciopero alla rovescia, ossia "fermare la didattica per ragionare e riflettere insieme agli studenti di quanto sta accadendo, leggere i giornali, apprendere e commentare il dibattito di queste tragiche giornate". 

VIDEO | Crisi migranti, lo "sciopero alla rovescia" del liceo Amaldi: "L'indifferenza a questi temi è propaganda"

La riflessione del Liceo Orazio su migranti e migrazioni

E all'Orazio così è stato.  "Studenti e insegnanti hanno letto giornali e testi classici, commentato l'enorme dibattito che si è sviluppato attorno ai migranti e riflettuto squarciando il velo di rassegnazione ed appiattimento verso il basso al quale siamo costretti giornalmente" - hanno commentato i due giovani consiglieri di centrosinistra Matteo Zocchi e Nastassja Habdank presenti al Liceo. 

Il centrosinistra plaude all'iniziativa: "E' questa la scuola di cui abbiamo bisogno"

"Vedere ragazzi tanto stimolati e attivi riempie il cuore e dà speranza, soprattutto se i concetti espressi sorprendono per umanità e coscienza politica, tali da far impallidire gli attuali governanti. Senza retorica - hanno concluso - è questa la scuola di cui abbiamo bisogno". 

Presente all'Orazio anche l'assessora alla Scuola del Municipio III, Claudia Pratelli: "Uno sciopero per rompere l’indifferenza e la rassegnazione sulle tragedie che si consumano nel mediterraneo e intorno alla vicenda migratoria. Uno sciopero così come lo inventó Danilo Dolci per riappropriarsi di un diritto e di uno spazio di cittadinanza. All'Orazio - ha commentato - hanno fatto scuola in modo appassionato, impegnato e competente. E ci hanno fatto un regalo". 
 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

  • Fiocco viola e messaggi su schermi: Atac ricorda Sophia, figlia di un dipendente morta dopo una malattia

Torna su
RomaToday è in caricamento