MontesacroToday

Piazza Valmelaina, contro il degrado gli alberi della speranza

Piantati quattro alberelli al centro della piazza dell'ex mercato, al via anche la raccolta firme per il progetto "Stiamo al Verde"

Di quella piazza sempre più abbandonata a sé stessa i residenti non ne possono più, nel corso degli anni sono tante le iniziative e le pulizie straordinarie che il Comitato di Quartiere ha portato avanti affinchè Piazza Valmelaina, finisse al centro delle attenzioni del Municipio e delle istituzioni cittadine.


Lo spazio dove una volta sorgeva l’ex mercato è infatti l’unica valvola di sfogo di una zona ormai stretta tra i palazzi e il cantiere della metropolitana, un’area dove i bambini potrebbero giocare se solo non fosse totalmente abbandonata all’incuria con i giochi da rimettere a posto e una manutenzione alla qualeprovvedere periodicamente.


Ma a pensare alla piazza sono ormai i cittadini visto che l’area risulta ancora privata e che tra la ditta costruttrice dei box sottostanti e i proprietari dei posti auto c’è un contenzioso aperto sulla competenza di pulizie e manutenzione.  
Uno scaricabarile di responsabilità a cui ormai da tempo fanno fronte i residenti, ben consapevoli dell’importanza che quello spazio ricopre per Valmelaina.


Così ieri mattina ecco l’ennesima iniziativa del Comitato di Quartiere e dell’Associazione Agorà Valmelaina che hanno provveduto a piantare alcuni alberi nei vasi centrali della Piazza: un’iniziativa simbolica per porre un’altra volta sotto i riflettori la questione ma anche un simbolo di speranza perché con essi possa crescere anche l’interesse verso quello spazio da anni rivendicato dal quartiere.


“Con questa iniziativa i cittadini di Valmelaina hanno voluto creare un simbolo tangibile dell’abbandono delle Istituzioni di una piazza e di un quartiere, i cui cittadini sono stati privati completamente della dignità di persone ed abbandonate a se stessi, nonostante le tante promesse della scorsa campagna elettorale” – ha tuonato il Presidente del CdQ, Pietro Fusco, dalle pagine di Valmelaina.it non nascondendo l’amarezza per l’assenza delle istituzioni, all’appuntamento si è infatti presentato solamente Massimo Moretti, il consigliere portavoce del M5s a Piazza Sempione.

Nel corso della mattinata è stato anche presentato “Stiamo al Verde”, un progetto di gestione delle future aree verdi previste nello spazio sovrastante la stazione Jonio dove il Comitato e l’Associazione Agorà vorrebbero realizzare un’area verde “a compensazione di quella che il quartiere ha perso durante gli anni di cantierizzazione e dalla devastante speculazione edilizia”, nella quale creare un’area ludica, un’area cani attrezzata e giardini sensoriali, il tutto nella piena sostenibilità e accessibilità.

Gli alberi sono stati piantati, la raccolta firme – alla quale hanno già aderito oltre 50 persone - proseguirà nei prossimi giorni nelle piazze di Valmelaina, del Tufello e anche presso lo sportello gestito dall’Associazione Agorà al mercato di via Giovanni Conti.

E chissà se gli alberelli che oggi abbelliscono piazza Valmelaina da simbolo di speranza si trasformeranno nell’emblema di un nuovo inizio per il quartiere che da anni rivendica quello spazio di socializzazione e svago.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Le migliori palestre con piscina a Monteverde

I più letti della settimana

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • Autobus in fiamme a piazza Cantù. I testimoni "Abbiamo sentito due esplosioni"

Torna su
RomaToday è in caricamento