MontesacroToday

Municipio III, M5s vuole azzerare i consigli municipali. Le opposizioni: "Capoccioni in crisi, si dimetta"

I grillini propongono una seduta al mese invece che una a settimana. Il Pd: "Autoconvocazioni tematiche per rianimare istituzioni"

La crisi dei numeri della maggioranza grillina del Municipio III che si intreccia con le esigenze dei portavoce di scendere in piazza per manifestare contro la legge elettorale tralasciando gli impegni istituzionali del territorio, primo fra tutti il Consiglio settimanale, che i pentastellati vorrebbero addirittura mensile, già fissato dalla capigruppo. 

Così a Piazza Sempione si è aperto il nuovo duro scontro tra la maggioranza Capoccioni e le opposizioni. 

A scatenare la nuova polemica all'ombra di Palazzo Pubblico la richiesta del gruppo pentastellato, "impegnato in un evento a carattere nazionale", di non convocare il Consiglio della settimana. 

Il Regolamento del Municipio III

Una fattispecie prevista espressamente dal Regolamento del Municipio III. "Su richiesta del gruppo consiliare interessato, non si terranno sedute in coincidenza con i congressi cittadini, provinciali, regionali e nazionali e con le riunioni dei massimi organismi rappresentativi nazionali delle rispettive formazioni politiche. Analogamente i gruppi potranno richiedere che non si tengano sedute in coincidenza di altri eventi di rilievo nazionale promossi dalle rispettive formazioni politiche, fermo peraltro che nessun gruppo potrà richiedere la non convocazione del Consiglio Municipale per un numero di giorni superiore a sette nel corso dell’anno solare" - recita l'articolo 28 comma 3. 

Un chiaro  richiamo al regolamento che però non ha salvato i grillini dalle aspre polemiche delle opposizioni che, ignare del fatto che il Consiglio accordato in capigruppo sarebbe saltato, avevano già annunciato barricate. 

La proposta del M5s: un consiglio al mese e non uno a settimana

Nel parlamentino di Piazza Sempione si sarebbe infatti dovuto discutere sulla proposta del M5S di convocare il consiglio municipale solo una volta al mese invece che una volta a settimana. Davvero troppo poco per rispondere alle esigenze di un territorio vasto, variegato e ricco di problematiche da affrontare e risolvere. 

Municipio III: c'è lo streaming ma non il Consiglio

"Tra i risultati che il M5s del III Municipio può vantare (non ce ne sono molti altri) c'è quello di aver attivato lo streaming durante i lavori del consiglio municipale. Peccato però che, sempre il Movimento Cinque Stelle, abbia deciso, per evidenti difficoltà interne alla propria maggioranza, di diminuire le convocazioni dei consigli municipali da 4 al mese a 1" - aveva fatto sapere il consigliere del Gruppo Misto, Cristiano Bonelli.

"Una proposta assurda per un municipio pieno di emergenze, che guarda solo alle paure della maggioranza di finire nuovamente battuti dalle opposizioni nelle votazioni, a causa delle insanabili divisioni interne al M5S” - hanno rincarato la dose i Dem Leoncini e Corbucci. "I grillini sospendono la democrazia del consiglio per partecipare alla manifestazione contro la legge elettorale. Invece di fare quello per cui sono pagati, ovvero risolvere i problemi dei cittadini, fanno politica di partito e vanno senza alcuna coerenza a manifestare contro una inventata emergenza democratica, mentre in III Municipio mettono davvero il bavaglio alle istituzioni democratiche e ai rappresentanti eletti dai cittadini". 

La protesta delle opposizioni: "Capoccioni non ha più numeri"

Consiglio non convocato con "una scusa", "una forzatura": sostengono e protestano compatte le opposizioni che nelle ultime sedute, tra addii al M5s e l'appoggio di ben quattro dissidenti grillini, erano riuscite a far passare i propri documenti palesando la crisi politica della sempre più risicata maggioranza Capoccioni. 

"Una forzatura a cui il presidente del Consiglio Novelli dovrà rispondere, nel frattempo dobbiamo far sapere a tutti i cittadini che l'amministrazione Capoccioni in III Municipio è terminata, che la Presidente sta umiliando il territorio e le istituzioni democratiche pur di rimanere attaccata alla poltrona. La Capoccioni di fatto sta sventolando bandiera bianca, ma da Fratelli d'Italia non si aspetti nessuno sconto" - hanno detto i consiglieri Di Giamberardino, Bono, Geretto e Petrella.

Municipio III, consigliera grillina passa a FdI: maggioranza Capoccioni sempre più risicata

Dimissioni per mancanza di numeri: quel che chiedono dal centrodestra e dal centrosinistra. "Più la Presidente Capoccioni va avanti e più resta sola, tanto che gli ultimi giapponesi a difesa del fortino di piazza Sempione sono costretti a inventarsi qualsiasi scusa per non convocare più i Consigli Municipali, paralizzando ulteriormente l'attività amministrativa, complice il presidente dell'aula Novelli. Peccato che nel frattempo - ha fatto notare l'ex minisindaco Marchionne - restino sullo sfondo le questioni urgenti che i cittadini ci segnalano ogni giorno: interventi di manutenzione nelle scuole, i servizi sociali con i giorni contati, il verde pubblico gestito solo da cittadini volontari, lo sport di base mortificato, l'abusivismo dilagante, i cittadini di Fidene e Villa Spada lasciati soli a combattere con i miasmi del TMB Salario".

"Così si bloccano le attività a danno di tutti i cittadini. Se non sono capaci di avere una maggioranza e' il caso che la presidente Capoccioni si dimetta palesando il fallimento di questa amministrazione" - ha rilanciato l'esponente del Pd Bugli

Il Pd propone autoconvocazioni Consiglio Municipale

E intanto il Partito Democratico pensa alla contromossa: autoconvocazioni delle sedute del Consiglio Municipale tematiche, "per rianimare l'istituzione locale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Capoccioni come l'ex presidente Pace

"Nel frattempo Capoccioni - il consiglio per nulla disinteressato che arriva dagli scranni del Pd - valuti seriamente le sue dimissioni, alla stregua di quanto già fatto dal suo omologo del Municipio VIII, di certo più lungimirante e obiettivo"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: a Roma e provincia 7 nuovi contagi. Positiva al Covid19 famiglia proveniente dagli Usa

Torna su
RomaToday è in caricamento