MontesacroToday

Municipio III, Marchionne si dimette: le "ingerenze" renziane spaccano il Pd di Montesacro

L'ex minisindaco lascia il ruolo di capogruppo: "Consiglieri umiliati"

Il voto sul prolungamento della concessione della piscina comunale del Tufello ha palesato la spaccatura interna al Pd di Montesacro. I consiglieri Dem Bugli, Marchionne e Rampini - intenzionati ad astenersi sulla delibera grillina che ha prolungato la concessione della struttura di via Gran Paradiso a La Piscina Crawl 2000 per altri otto anni - hanno abbandonato l'Aula al momento del voto. 

Il diktat del Pd del Municipio III

A rimanere tra gli scranni piddini solo la consigliera Francesca Leoncini, la più renziana dei quattro che ha votato 'No'. Un voto contrario alla delibera annunciato già nei giorni precedenti dalla segreteria e dai vertici del Pd del Municipio III: un No che sarebbe stato imposto senza confronto con Marchionne, insieme a Rampini e Bugli, a mal digerire quel diktat. 

Già perchè, parola dell'ex minisindaco e della sua ex assessora alla Sport, quella delibera, nel caso di rinnovato governo del Municipio, l'avrebbero portata in Aula anche loro. "Scritta meglio e meno pasticciata" per contrastare, proprio come in Aula Giulio Cesare, quella linea grillina dettata da Frongia che, secondo i Dem, vorrebbe "non riconoscere i diritti vantati da tanti gestori degli impianti comunali". 

Piscina comunale del Tufello, sì a prolungamento concessione. Si spacca il Pd

Municipio III, Marchionne rassegna le dimissioni da capogruppo

E invece, con l'ala renziana forte di vittoria al congresso del Pd Roma, in Municipio III è andata diversamente. Così il Pd di Montesacro ne è uscito in frantumi: Paolo Marchionne, tra gli agitatori di Piazza Santa Chiara "per il rinnovo del Pd di Roma", ha rassegnato le dimissioni da capogruppo. 

L'accusa dell'ex minisindaco: "Consiglieri umiliati"

"Dopo l'ultima seduta del Consiglio Municipale non è più possibile per me andare avanti. Credo che chi ha assistito alla seduta di giovedì scorso (più di qualcuno dell'esecutivo) può comprendere la mia costernazione. Ci si iscrive ad un partito per essere più liberi, per rafforzare i propri ideali, per organizzare le proprie azioni. Non per essere umiliati. Se la segreteria municipale del Pd intende usare i consiglieri come strumento per percorre una non meglio precisata 'via maestra' è il caso che si scelga un capogruppo adatto a questo compito" - ha scritto Marchionne in una nota giustificando le sue dimissioni dal ruolo. 

Lo scontro con l'ala renziana del Pd del Municipio III

Non un fatto personale: l'accusa ai vertici del Pd del Municipio III è pesante. Sullo sfondo il rianimarsi di quel "duello" con Riccardo Corbucci: l'ex consigliere, strenuo sostenitore di Renzi, uscito sconfitto dalle primarie per scegliere il candidato presidente del Municipio nel 2013 ed oggi dirigente di rilievo del Pd di Roma dall'animo renziano.

Il rimprovero alla segreteria del Pd del Municipio III, guidata da Paola Ilari, è quella di aver spaccato in modo manifesto un gruppo di quattro consiglieri Pd, "con un'azione forzata e compiaciuta": ossia quella di voler esprimere una 'via maestra' locale "che - ha fatto notare Marchionne - mi risulta essere difforme dall'azione del Gruppo Consiliare Pd in Assemblea Capitolina". 

L'analisi: "Distrutta ogni possibilità di far cadere il Municipio"

"Strattonare, con ingerenze di autorevoli dirigenti romani del Partito, l'equilibrio raggiunto con un anno di lavoro attorno ad un delicato e composito gruppo di opposizione che stava per far cadere la Giunta grillina di Montesacro, legata a doppio filo con la candidata alla Presidenza della Regione Lazio del M5S Roberta Lombardi, fino a distruggere ogni possibilità di far cadere il Municipio" - ha scritto Marchionne. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dimissioni da capogruppo senza ripensamenti, quelle dell'ex minisindaco. Un ruolo che dunque passerà di mano, forse proprio in quelle della consigliera Leoncini: a lei, o a chi degli eletti Dem verrà scelto, l'arduo compito di guidare il gruppo, spaccato e litigioso, del Pd in Municipio III. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento