MontesacroToday

TMB Salario, in 40mila ostaggio dei miasmi: "Siamo tutti tappati in casa"

Giorni infernali nel quadrante della città sottoposto ai cattivi odori del TMB Ama Salario: il fetore percepito da Villa Spada a Labaro, passando per Nuovo Salario e Porta di Roma. "Quel che subiamo è una vergogna"

Avevano previsto l'ennesima estate infernale e l'incubo per i residenti di Villa Spada, Fidene e quartieri limitrofi si è puntualmente tramutato in realtà.

Esito più che scontato viste le alte temperature di questi giorni e soprattutto una questione rifiuti sempre scottante e per nulla di facile soluzione tra il TMB Salario pieno e al limite del collasso e gli stop a intermittenza degli impianti privati ad ingolfare un meccanismo già precario di suo. 

Così a rimetterci sono i 40mila abitanti di quel quadrante del Municipio III che dal 2011 sopportano miasmi infernali vivendo una vita condizionata dalla puzza. Giorni in cui il cattivo odore è forte e persistente: "La puzza proveniente dall'impianto Ama Salario è fortissima sembra di essere nella vasca di ricezione dentro l'impianto. Vergogna per quello che ci state facendo subire" - scrive una residente sui social nell'ennesima serata da incubo in quel di Villa Spada. 

"Stasera a Serpentara al confine con Fidene una puzza tremenda dal maledettissimo TMB! Tutti tappati in casa" - replicano dai quartieri limitrofi trovando l'appoggio, amaro e rabbioso, anche dei residenti di Nuovo Salario e Porta di Roma. Nello scorso week end, visto il vento in direzione, i miasmi hanno invaso anche la parte alta di Labaro coinvolgendo nell'inferno del cattivo odore del TMB, seppur in modo più lieve e per nulla paragonabile a quel che vivono lungo la Salaria, anche un a fetta di Municipio XV. 

"Bisogna andare in ospedale e farsi certificare i malori che accusiamo" - suggerisce una residente del Terzo ricordando come per molti il contatto con il fetore significhi mal di testa, nausea e bruciore agli occhi. "Sepolti vivi dentro casa" - rincara la dose un'altra abitante del territorio. 

Uno spicchio di città, 40mila abitanti circa, da anni ostaggio dei miasmi nonostante rimostranze, proteste e promesse disattese. Una qualità della vita che possa definirsi dignitosa, come prima dell'arrivo di quel "mostro" al 981 della via Salaria: quanto chiedono da Fidene, Villa Spada e dintorni. Per svegliarsi da un incubo che li è vita quotidiana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Conto troppo salato da Federico Fashion Style: cliente si rifiuta di pagare e scoppia il parapiglia

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma oggi tre nuovi contagi, sono 862 i casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento