MontesacroToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Tmb via da qui subito": da Fidene a Villa Spada in piazza contro l'Ama Salario

Migliaia di persone in piazza contro i miasmi dell'impianto di via Salaria 981. L'estate si avvicina è l'incubo puzza rischia di diventare una condanna. Dai cittadini la richiesta chiara: "Non aspettare il 2019 per chiudere l'impianto"

 

Chiudere il TMB Salario e farlo nell'immediato. Questa la richiesta, netta e perentoria, dei residenti di Fidene e Villa Spada che sono scesi in piazza per una fiaccolata contro la "puzza". 

Dal 2011 infatti quel quadrante soffre i miasmi insopportabili provenienti dall'impianto Ama al 981 della consolare romana: cattivi odori così forti da costringere i residenti a tenere le finestre chiuse e nasi turati. Impossibile stendere la biancheria all'aria, passeggiare senza provare fastidi o portare i propri figli al parco. 

Nei giorni in cui l'impianto di Trattamento Meccanico Biologico lavora tanto ed è colmo, proprio come in questo periodo, i fastidi aumentano: emicranie, nausea, occhi arrossati. Ed è così da sei lunghissimi anni. Alle porte di un'estate che per quella zona della Capitale si prospetta come l'ennesima da "prigionieri in casa", la nuova mobilitazione: "Difendiamo il nostro territorio e la nostra salute" - il grido che arriva da Villa Spada e Fidene. 

Il 2019, data indicata dall'assessora Montanari come possibile per la chiusura del TMB Salario, da quelle parti è decisamente troppo lontana.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento