MontesacroToday

Asili, Pd: "Bonelli chiude nido Castello di Gelsomina a Castel Giubileo"

Il nido, ristrutturato nel 2007, chiuderebbe a causa di un parere espresso da un funzionario Asl sulle condizioni della struttura. A denunciarlo, il consigliere Pd Corbucci

foto dal blog di Riccardo Corbucci

L'asilo nido "Castello di Gelsomina, a Castel Giubileo, chiude i battenti. A renderlo noto, il Partito Democratico municipale, non senza polemiche. A motivare la chiusura sarebbe bastato, infatti, secondo quanto riportato dal consigliere Pd Corbucci, un parere di un funzionario Asl in riferimento alle condizioni della struttura, nonostante i 176mila euro spesi in lavori di ristrutturazione nel 2007.

"Invece di aprire nuovi servizi, la giunta di centrodestra del IV Municipio chiude quelli già esistenti. E' di questi giorni, infatti, l'incredibile decisione di chiudere l'asilo nido "Castello di Gelsomina" nel quartiere Castel Giubileo" lo dichiara in una nota Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio. "Il presidente Cristiano Bonelli e l'assessore alle politiche scolastiche Francesco Filini, hanno motivato questa scelta a causa di un parere della Asl Roma A che giudicherebbe inadeguata la struttura di Castel Giubileo, sulla quale il municipio nel 2007 aveva già speso oltre 176 mila euro in lavori di ristrutturazione" spiega Corbucci "adesso invece per assecondare la volontà della dirigente scolastica, che vuole prendere possesso di una nuova struttura in via Enzo Cerusico nel quartiere di Torre Ridicicoli, si decide in tutta fretta di chiudere il nido, che era stato persino inserito nel bando pubblico di quest'anno".

"In realtà la nota della Asl Roma A è firmata dal dott. Sergio Rogai, pediatra presso l'asilo nido comunale, ed esprime un parere personale del dottore che non appare suffragato da una verifica effettiva dello stato dei luoghi" continua Corbucci. "Da una lettura della normativa nazionale, regionale e comunale in materia, non ci sembra che un parere seppur autorevole di un funzionario dell'azienda sanitaria, possa da solo portare alla decisione della chiusura della struttura. Appare chiaro, quindi, che la giunta Bonelli abbia voluto utilizzare questa nota, che peraltro non chiede di sospendere il servizio, come scusa per chiudere l'asilo nido. Una decisione già presa da qualche tempo, poichè ad avvalorare questa tesi c'è anche la recente apertura nel quartiere di un asilo nido privato della srl "Gioca e Crea", che certamente avrebbe fatto qualche fatica in più ad avere utenza nella zona, se avesse trovato quale competitore una struttura pubblica usata già da molto tempo".

"Giovedì 19 giugno alle ore 12 sarà discusso nell'aula di Piazza Sempione un ordine del giorno, presentato dal Partito Democratico, che è contrario alla chiusura della struttura e che anzi chiede di reperire le risorse necessarie in bilancio, per effettuare i lavori di riqualificazione dell'asilo nido. Soprattutto a fronte dello sperpero di denaro pubblico che Alemanno e Bonelli hanno fatto in questi anni con feste, parate ed assegnazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Weekend dell'Immacolata a Roma: che fare sabato 7 e domenica 8 dicembre

  • 8 dicembre, festa per l'Immacolata e Spelacchio a piazza Venezia: strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero a Roma: domani a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Ostia piange Simone, il bimbo di 11 anni morto dopo un malore a scuola. Indaga il Pm

Torna su
RomaToday è in caricamento