MontesacroToday

Si sgretola il M5s del Municipio III: trema la roccaforte di Lombardi e De Vito

Grillini in minoranza, le opposizioni: "Capoccioni si dimetta"

Il M5s del Municipio III perde pezzi. Quattro i consiglieri che da settembre ad oggi hanno abbandonato lo schieramento grillino per sedersi altrove: ad aprire le danze la consigliera Donatella Geretto, passata a Fratelli d'Italia; nell'ultima settimana tre le defezioni in casa Cinque Stelle con i "dissidenti" Burri, Digiacinti e Scamarcia approdati al Gruppo Misto. 

Il M5s del Municipio III senza numeri

Un duro colpo per la maggioranza Capoccioni che, pur liberandosi delle sue "fastidiose" spine nel fianco, da quindici consiglieri più la minisindaca, adesso ne contra dodici compresa la presidente. Uno in meno rispetto alle opposizioni

La mediazione fallita della Sindaca

Si sgretola dunque il Movimento Cinque Stelle di Montesacro, quello del feudo di Roberta Lombardi e Marcello De Vito: una compagine sin dall'insediamento spaccata e litigiosa. Nemmeno la mediazione della Sindaca Raggi, che nell'aprile scorso aveva convocato tutti i portavoce in un incontro segreto in Campidoglio, è riuscita a ricucire lo strappo. 

In Municipio III esodo di consiglieri grillini

Quattro consiglieri fuggiti dal Movimento, due commissioni permanenti su sei in mano all'opposizione, un presidente del Consiglio dimissionario con i grillini che adesso rischiano pure di perdere la presidenza dell'Aula. All'ombra di Palazzo Pubblico la crisi è più che aperta. 

La crisi irreversibile del M5s in Municipio III: tra liti e addii ai grillini mancano i numeri

Le opposizioni chiedono dimissioni presidente Capoccioni

E le opposizioni incalzano la minisindaca. "La Sindaca Virginia Raggi e Roberta Lombardi, sponsor politico della presidente municipale, prendano atto di questo fallimento e non usino il III municipio per mantenere la poltrona di un proprio funzionario politico. Quando non c’è più la maggioranza per governare, si deve avere la dignità di restituire la parola ai cittadini. In III municipio la Capoccioni si dimetta e si torni al voto” - l'esortazione di Andrea Casu e Riccardo Corbucci, segretario e coordinatore della segreteria del Partito Democratico di Roma. 

Il Pd: "Lombardi liberi Montesacro"

A fare eco Paola Ilari, segretaria del Pd Terzo Municipio: "L’esperienza Capoccioni è la peggiore di sempre e la presidente dovrebbe trarne le conseguenze rassegnando le proprie dimissioni e consentendo ai cittadini di tornare al voto per scegliere una maggioranza degna. La candidata alla Regione Lazio Roberta Lombardi mostri senso di responsabilità, stacchi la spina della sua protetta e liberi il municipio da questa compagine litigiosa e incapace”. 

Fratelli d'Italia: "Al Municipio III serve nuovo governo"

A chiedere le dimissioni della minisindaca anche Fratelli d'Italia. "I codici della politica e della dignità impongono le dimissioni della Presidente, a questo punto rimanere incollati alla poltrona sarebbe ridicolo e ci aspettiamo che arrivino oggi stesso le dimissioni di Roberta Capoccioni. Lo diciamo da tempo che quest'esperienza politica è giunta al capolinea, tra l'endemica incapacità di governare e le scorribande interne a una maggioranza litigiosa e inconcludente di fatto il territorio è stato abbandonato a se stesso" - hanno scritto in una nota i consiglieri Vincenzo Di Giamberardino, Emiliano Bono, Donatella Geretto e Giordana Petrella chiedendo per il Montesacro un nuovo governo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dimissioni, sfiducia o resistenza a oltranza

Dimissioni della presidente, preso atto dell'irreversibile crisi politica, o mozione di sfiducia votata dalla maggioranza dei consiglieri di Piazza Sempione che, in tal modo, dovrebbero rinunciare al proprio mandato anzitempo: queste le due strade che porterebbero alla caduta del M5s in Municipio III. In caso contrario nessun automatismo con la presidente Capoccioni a doversi affidare ai suoi fedelissimi e ai voti del Consiglio, cedendo a compromessi e necessari accordi, per resistere ad oltranza. Per non certificare l'ennesima débâcle grillina a Roma.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Conto troppo salato da Federico Fashion Style: cliente si rifiuta di pagare e scoppia il parapiglia

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma oggi tre nuovi contagi, sono 862 i casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento