MontesacroToday

Mini – sgomberi, Sant'Egidio: “Non risolvono i problemi”

Il commento del portavoce Marazziti non è piaciuto ad alcuni membri del Campidoglio e ne é nata una polemica. Il videpresidente del IV Municipio Corbucci: "Solidarietà alla comunità per il lavoro che svolge con i più poveri"

All'indomani dell'inizio dei mini - sgomberi nella Capitale, non mancano le polemiche. Il portavoce della comunità di Sant'Egidio Mario Marazziti non ha commentato positivamente gli interventi messi in campo da questura, polizia municipale e servizi sociali del Comune di Roma così come quest'ultimi avrebbero voluto e e la risposta non si è fatta attendere.

Così Mario Marazziti ha commentato la notizia: "Gli sgomberi senza alternative non risolvono il problema" ed ha aggiunto "in Italia si respira un clima molto negativo nei confronti dei nomadi" perchè "a crisi sociale ed economica incoraggia le classi dirigenti a scaricare sui poveri le proprie contraddizioni, quindi chi meglio degli zingari verso i quali c'è scarsissima simpatia tra la popolazione europea?".

Il vicepresidente della commissione capitolina alle Politiche sociali, Ugo Cassone, ha risposto: "Come mai un'idea del genere a Sant'Egidio non sia venuta in passato? Dov'erano le ottime idee e le belle parole quando a Roma il campo nomadi più grande d'Europa, il Casilino 900, faceva ancora bella mostra di sè?".

Il PD del IV Municipio difende la Comunità di Sant'Egidio. Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio definisce "vergognosa la reazione di alcuni membri del Pdl alle parole del portavoce della Comunità di Sant'Egidio" e aggiunge "a tutta la comunità deve andare la solidarietà delle istituzioni per il volontariato che svolge all'ombra del clamore mediatico".

Corbucci lamenta in particolare il non intervento di altri esponenti della maggioranza. Secondo il vicepresidente del IV Municipio "almeno l'assessore capitolino alle Politiche sociali Sveva Belviso avrebbe dovuto fare una dichiarazione in cui il lavoro della Comunità di Sant'Egidio venisse elogiato", una sorta di dichiarazione "correttiva" ma non l'ha fatta.

"In IV Municipio - prosegue Riccardo Corbucci - dove mercoledì mattina c'è stato lo sgombero di un insediamento abusivo, la comunità già da tempo si occupa di migliorare le condizioni di vità dei più deboli della città. Sostituendosi anche a quelle istituzioni che, invece di risolvere davvero i problemi, tentano di strumentalizzarli alla ricerca del facile consenso. "Bisogna costruire una visione in cui i più deboli vengano sostenuti e non cacciati. Invece di attaccare il lavoro della Comunità di Sant'Egidio, la maggioranza dovrebbe spiegare ai cittadini il significato di sgomberi disorganizzati, in cui i rom non accettando altre sistemazioni, torneranno ad occupare altre aree della città. La classe dirigente dovrebbe affrontare questi problemi con senso di responsabilità, evitando di mandare messaggi razzisti scimmiottando anche nella capitale le posizioni della Lega Nord", conclude il vicepresidente del Municipio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento