MontesacroToday

Lotta a prostituzione, rovistaggio e degrado: lo squillo di Prati Fiscali al Municipio III

Il Comitato Salviamo Prati Fiscali scrive a Piazza Sempione: "Ecco le nostre indifferibili questioni priroritarie"

Dal contrasto alla prostituzione, problematica annosa del quartiere, alla riorganizzazione della viabilità con pure l'esigenza di ridistribuire in modo equo i cassonetti di zona e liberare dal degrado quel quadrante che, con pure l'impegno dell’Associazione De Design, punta a diventare il polo del design della Capitale. Prati Fiscali si appella al Municipio indicando le priorità irrinunciabili affinchè l'area sia decorosa, vivibile e sicura. 

Salviamo Prati Fiscali chiede decoro e vivibilità

"Fin dal 2009, oltre a far convergere molti cittadini sull’obiettivo di un’azione comune, abbiamo ottenuto l’installazione di semafori pedonali, la realizzazione di infrastrutture come marciapiedi e illuminazione, abbiamo favorito la collaborazione tra cittadini e commercianti di zona stringendo un’alleanza strategica con l’Associazione De Design, abbiamo contribuito al decoro delle aree verdi a nostre spese, promosso mercati di zona ed iniziative culturali, contrastato – anche di persona – il fenomeno della prostituzione, abbiamo partecipato attivamente ai lavori della Commissione Parlamentare di inchiesta sullo stato della sicurezza e del degrado delle Città e delle periferie e tante altre iniziative con contributi di tempo solo volontari, sottraendoci alle nostre famiglie e ai nostri figli" - scrive il Comitato "Quelli del 6 novembre-salviamo Prati Fiscali”. 

Prati Fiscali, imprenditori adottano il quartiere "sognando il polo del design"

Lo scopo è quello di instaurare con la Giunta Caudo, come accaduto con le precedenti amministrazioni, un dialogo continuo volto a proporre soluzioni ai numerosi problemi che affliggono il territorio.

Le priorità di Prati Fiscali

Da qui l'indicazione delle priorità, "questioni indifferibili - scrive il presidente Alessandro Corsi - su cui i cittadini si aspettano urgenti interventi". 

Soluzione immediata alla questione TMB Salario, "la puzza arriva a Prati Fiscali e va oltre sino al quartiere Nemorense"; lotta al degrado "con attenzione particolare al Campo Rom di via Monte Artemisio, abusivismo, rovistaggio, stoccaggio e smaltimento irregolare di ferro e materiali similari". 

Rifiuti e viabilità

Prati Fiscali chiede poi la distribuzione equa dei cassonetti AMA sul quadrante e la riorganizzazione della viabilità, "quella attuale - sottolinea il Comitato - è completamente priva di ogni logica, manca un semaforo pedonale in prossimità del nuovo palazzo in fase di conclusione". Tra le priorità indicate anche la manutenzione delle strade (viale Jonio e Prati Fiscali sono tra le arterie principali di Roma nord), e delle aree verdi. 

Prostitute sotto le abitazioni di via Salaria

Sul fronte sicurezza, decoro e legalità il quartiere torna a chiedere a gran voce il contrasto alla prostituzione sotto le abitazioni di via Salaria, Prati Fiscali e Largo Valtournanche.

Più attenzione e l'apertura di un canale diretto con il quartiere quanto chiesto dunque dal Salviamo Prati Fiscali: "Sappiamo che quanto sopra non è semplice da affrontare, ma i cittadini - sottolinea Corsi - vogliono essere parte attiva e la sua giunta siede sulle poltrone che avete chiesto di avere".  
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

Torna su
RomaToday è in caricamento