MontesacroToday

"Sogni rimandati a domani", vandalismo oggi: ancora uno sfregio a Ponte Nomentano

Nuova scritta a caratteri cubitali sul monumento del Montesacro, residenti inviperiti scrivono ai Pics. Il Comitato di Quartiere Città Giardino: "Degrado chiama degrado, il Municipio III intervenga per far rimuovere graffiti"

Non si placa l'ondata di vandalismo nei confronti di Ponte Nomentano, luogo simbolo di Montesacro e uno dei ponti extraurbani dell'antica Roma più importanti insieme a Ponte Milvio.

Dopo le catene divelte e le scritte con bombolette spray su pareti e pavimentazione, di recente un altro writer ha utilizzato quelle mura ricche di storia per dare sfogo alla propria "arte" e ai propri pensieri. "Sogni rimandati a domani" si legge in nero, a caratteri cubitali. 

Una scritta che non è passata inosservata al quartiere con i residenti a condannare fermamente il gesto e segnalare quello sfregio ai Pics e al Municipio III.

"Lo scorso mese il Ponte Nomentano, monumento storico simbolo del municipio, era stato riempito di scritte da incivili. La Presidente Roberta Capoccioni si era impegnata per l'intervento dei Pics, che però non si sono visti. Quelle che si vedono invece con chiarezza sono altre scritte. Il degrado chiama degrado, non è uno slogan, ma una realtà con tanto di studi statistici" - ha scritto Simona Sortino, presidente del Comitato di Quartiere Città Giardino chiedendo a Piazza Sempione di intervenire e in modo celere affinchè scritte e tag non ne richiamino altre con Ponte Nomentano, nonostante storia e prestigio, ormai tra le tele preferite dai writers. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

Torna su
RomaToday è in caricamento