MontesacroToday

Chiara Brunamonti sposa la causa di Anagramma Onlus

La giovane attrice romana entra a far parte dell'associazione che difente i diritti dei diversamente abili. Ecco il ringraziamento del presidente Cristiano Ceccato

Spesso, a torto, si dice che i giovani non hanno valori, ambizioni e con poca voglia di impegnarsi. Per fortuna non è così e ogni giorno dimostrano il loro attaccamento alla vita con piccoli e grandi gesti. Credono in un futuro migliore e chiedono a gran voce di essere ascoltati da chi invece è sordo ai loro bisogni. Questi giovani sono molto attenti al sociale che li circonda e cercano in ogni modo di sostenere chi è meno fortunato di loro. Nel nostro cammino abbiamo incontrato una ragazza, semplice, umile che con la sua caparbietà e insistenza è riuscita a ricucirsi uno spazio tutto suo.

Grazie alla sua sensibilità dimostrata, ha voluto condividere con l'associazione Anagramma-onlus un percorso in sostegno dei Diversamente Abili e di questo noi ne siamo fieri e felici.

Il nome di questa ragazza a cui auguriamo, che un giorno molto vicino, diventi una grande attrice è Chiara Brunamonti. La sua immensa umiltà e la sua sicurezza su ciò che desiderava essere la porta a soli 12 anni di età a muovere i primi passi su un palco teatrale, pochi passi e subito si innamora ti tutto ciò che circonda tale mondo ed sempre più convinta che è la sua strada. Inizia alla scuola di cinema "Kairos" e poi all'accademia "Togliani".

Tali scuole la portano ad essere protagonista in vari spot pubblicitari e in film come Italian ghost stories e ricevere una parte in Un medico in famiglia 7. Ma non dimentica lo studio sui banchi di scuola e lo sforzo a cui si sottopone e notevolissimo ma niente sembra fermarla.

Chiara è consapevole che è solo alla prima fermata della sua vita, questo non la spaventa, anzi,  mette altra carne sul fuoco scendendo in campo anche nel sociale avvicinandosi ad "Anagramma-onlus" e spiegandoci che  vuole dare un messaggio preciso ai suoi coetanei, di non mollare e di mettercela tutta. Abbiamo raccolto con molto interesse ed entusiasmo il suo appello e oggi più che mai siamo convinti che "Insieme si può" raggiungere quel traguardo e cercare di ridare dignità a tutte quelle persone che per problematiche diverse devono condividere la propria esistenza con un handicap.

Vogliamo ancora una volta ringraziare Chiara Brunamonti per la sua disponibilità e sensibilità non solo verso i suoi coetanei ma anche buttando l'occhio su un sociale dimenticato da troppo tempo a cui bisogna reinstillare una buona dose di fiducia e credo che i giovani di oggi hanno le carte in regola per capovolgere tale situazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento