MontesacroToday

Montesacro: Casapound occupa l'ex palazzetto Enel di via Val D'Ala

I militanti di Casapound hanno occupato l'ex palazzetto dell'Enel in IV municipio in via Val D'Ala. Dal Pd le accuse: "Promesso il palazzetto in cambio dello sgombero della scuola Parini"

Nuova occupazione da parte di CasaPound nel IV Municipio. Dopo quella di ieri nella scuola Parini, sgomberata la sera, dopo un pomeriggio di tensioni, oggi i militanti sono entrati in azione nell'ex palazzetto dell'Enel in via Val D'Ala tra via dei dei Prati Fiscali e via Conca D’Oro.

A renderlo noto è Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio, che dichiara: “CasaPound oggi ha ottenuto dal Comune di Roma la possibilità di avere l'utilizzo dell'edificio ex Acea di via Val D'Ala.”

“Siamo venuti a conoscenza dei contenuti della trattativa di ieri sera fra il Sindaco, il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli e gli occupanti di Casa Pound che per aver liberato la scuola Parini, hanno ottenuto la possibilità di insediarsi a Montesacro nell'edificio di via val d'ala, nella struttura in cemento bianco vicina al civico 198" spiega Corbucci "l'operazione si è compiuta questa mattina in sordina senza annunci e proclami, fra gli sguardi preoccupati ed incuriositi degli abitanti del quartiere".
"Giova ricordare che nel Parco delle Valli, proprio in prossimità dell'ingresso di via Val D'Ala, c'è un tumulo ed un vialetto in ricordo di Paolo Seganti, il giovane barbaramente ucciso e vittima dell'omofobia" continua Corbucci "il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli deve rendere conto immediatamente al consiglio del IV Municipio in merito a questa decisione, spiegando anche la sua vicinanza politica al movimento di estrema destra che nel gennaio del 2010, dal proprio sito internet, aveva dato indicazioni di voto proprio a favore di Luca Malcotti, candidato del minisindaco del IV Municipio per le elezioni regionali".

Della stessa opinione anche i consiglieri del Pd provinciale e comunale Marco Palumbo e Massimiliano Valeriani che dichiarano: “ Chiediamo spiegazioni ad Alemanno e Bonelli e un intervento immediato – aggiungono - Non vorremo infatti che nelle ‘trattative’ di ieri, in cambio della liberazione del Parini, a questi militanti che amano definirsi 'fascisti del terzo millennio' fosse stata promessa una struttura per insediarsi nel IV Municipio.
Il sindaco e il presidente del municipio prendano subito una posizione netta. Ricordiamo che solo ieri da Bonelli era arrivata la ‘ferma condanna di ogni tipo di occupazione’. Ci aspettiamo una coerenza che rassicuri i cittadini già in rivolta democratica per l’occupazione del Parini e fughi ogni dubbio che, con la sceneggiata di ieri, si voglia concedere  un qualsiasi spazio a un movimento politico neofascista nel quartiere.”

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • Come vestirsi ad un matrimonio d'estate: consigli di stile

I più letti della settimana

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Perde il controllo della moto e finisce contro il guardrail: morto 27enne romano

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 15 e domenica 16 giugno

  • Interrogatori, autopsia e filmati delle telecamere di sorveglianza: giallo di Torvaianica verso la svolta

  • Rapina al McDrive, poi la fuga e lo schianto in scooter

  • La tanica di benzina nei filmati di videosorveglianza: svolta nel giallo di Torvaianica

Torna su
RomaToday è in caricamento