MontesacroToday

Cinquina, le aree verdi di via Muscetta come discariche

A distanza di tempo non cambia la situazione per i condomini di via Muscetta: quelli che dovevano essere giardini condominiali sono invece cumuli di rifiuti

Lamiere, tubi, tegole, ferraglia varia, mattonelle spaccate e quant’altro. C’è un po’ di tutto nelle aree verdi di via Muscetta a Cinquina: quei terreni che i residenti, proprietari delle palazzine che si affacciano su queste discariche improvvisate, aspettano da anni.


Li - dove ora sono ammassati gli scarti del cantiere, l’erba è incolta e a farla da padrona è l’incuria – sarebbero dovuti sorgere i giardini condominiali: aree verdi con alberi, aiuole e panchine di cui a distanza di anni nemmeno l’ombra.


Della manutenzione ordinaria e straordinaria – così come stabilito nell’accordo del 2004 tra il Comune e le ditte edificatrici– se ne sarebbero dovuti occupare proprio i costruttori che invece nel corso degli anni non hanno ottemperato ai loro doveri.


Così per i residenti di via Muscetta la situazione è ormai insostenibile, al degrado sotto le finestre si aggiunge anche il fastidio per non poter usufruire di uno spazio tanto dovuto quanto utile.


Nella primavera scorsa – in attesa dei tempi lunghissimi per l’esproprio richiesto dal Municipio per ragioni di pubblica utilità – la soluzione sembrava a portata di mano: le ditte costruttrici sembravano infatti intenzionate a cedere le aree ai proprietari che però a distanza di mesi rimangono ancora in attesa dell’incontro davanti al notaio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Nel frattempo in quei terreni i rifiuti si accumulano e lo spettacolo dalle finestre è sempre più indecoroso: la speranza – dicono da via Muscetta – è che qualcuno intervenga, la paura invece è che nessuno si interessi più della vicenda mentre tutt’intorno, in quelle aree verdi in cui tutti sognavano giardini rigogliosi, a crescere è solo l’incuria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi casi, sono 11 in totale nel Lazio. I dati Asl del 27 maggio

Torna su
RomaToday è in caricamento