MontesacroToday

Cinquina: "Bambini 'calati' nei raccoglitori di indumenti usati"

Una pratica diffusa a Roma e non solo: il racconto di una residente di via Carlo Muscetta

In città spesso accade di imbattersi in persone intente a rovistare nei bidoni dell'immondizia. Niente di nuovo, dunque, se non fosse che questa volta i bidoni in questione sono quelli per la raccolta di indumenti usati, e addentrarsi al loro interno rischia di essere davvero pericoloso. Una consuetudine diffusa anche in altre città, come ad esempio Milano.

"Abito in via Carlo Muscetta, e proprio davanti al mio palazzo è posizionato uno di quei raccoglitori gialli per la raccolta degli indumenti usati", racconta una residente di Cinquina. "Purtroppo molto spesso mi accade di vedere persone di etnia Rom che si avvicinano a questo raccoglitore, che come molti sapranno ha una maniglia per spingere dentro i vestiti, e al posto dei vestiti "calano" all'interno bambini piccolissimi, gli unici che evidentemente riescono a muoversi all'interno di questi contenitori. Questi bambini hanno "il compito" di prendere i vestiti e poi riuscire con questi...".

"Si tratta di una pratica davvero pericolosa, e il rischio di rimanere incastrati all'interno di questi bidoni senza aria è altissimo. Per questo vorrei che si prendesse atto di questa situazione, trovando una soluzione concreta con cui evitare il peggio", conclude infine la signora.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

Torna su
RomaToday è in caricamento