Casale Nei: residenti "armati" di rastrelli puliscono il parco di via Amato

Pulizia "fai da te" del parco di via Giuseppe Amato. I residenti protestano: "Più volte abbiamo fatto presente alle Istituzioni lo stato di degrado, ma fanno orecchie da mercante"

Redazione 30 aprile 2012

Un Sabato mattina dedicato alla pulizia "fai da te" del parco. Ed è così che, grazie ad un'iniziativa del CdQ "Insieme per Casale Nei", molti residenti del neonato quartiere hanno deciso di armarsi di rastrelli, pale e tagliaerba per restituire decoro al parco di via Giuseppe Amato, da troppo tempo caduto nel degrado.

DSCN4922-2"Più volte il comitato ha fatto presente alle istituzioni lo stato di degrado in cui versava il parco: erba amazzonica, giochi rotti, impianto di irrigazione distrutto. Il IX dipartimento del Comune, il Municipio e Consorzi hanno sempre fatto orecchie da mercanti, anzi più di una volta hanno scaricato la responsabilità l'uno sull'altro, intanto l'erba cresce e i giochi sono diventati pericolosi", fa sapere Carlo De Marco, Presidente del comitato, aggiungendo: "L'unico aiuto che abbiamo avuto è stato da parte dell'Ama con il suo responsabile Maggi, al quale va tutta la nostra riconoscenza, che ha messo a disposizione due camionette per la raccolta dell'erba".
 
Senza contare il muro perimetrale delle aree verdi, che ad oggi risulta spaccato e le pietre sono disseminate nel parco. I residenti di Casale Nei non sanno quindi neanche a chi rivolgersi per sollecitare la manutenzione (almeno quella ordinaria) del parco. Nelle stesse condizioni di degrado versa anche una piazza in via Ferruccio Amendola, terminata e mai consegnata.
 
I cittadini chiedono quindi all'amministrazione di provvedere a tutti gli interventi necessari a restituire quel minimo di decoro urbano al quartiere, per non lasciarlo in balìa del degrado e dell'incuria.
 

Annuncio promozionale

Carlo De Marco
Bufalotta
parchi

Commenti