MontesacroToday

A Settebagni arriva Junker: la App che aiuta a fare la differenziata

Nel quartiere del Municipio III al via sei mesi di sperimentazione: l'applicazione riconosce i prodotti tramite la scansione del codice a barre indicando all'utente il contenitore esatto in cui conferire

La tecnologia al servizio dei cittadini e della causa della raccolta differenziata che, in una città disabituata e culturalmente ancora un po' impreparata, per tanti appare impresa assai ardua. Un compito che però per i residenti di Settebagni da oggi sarà un gioco da ragazzi. 

Nella borgata che sorge sulla via Salaria è arrivata infatti Junker, un’app che aiuta a fare la differenziata domestica in maniera semplice, veloce e senza errori.

Junker fa parlare direttamente i prodotti da differenziare, riconoscendoli uno ad uno scansionandone il codice a barre: il prodotto sarà scomposto nelle materie prime che lo compongono e indicherà in quali contenitori dedicati conferire le varie parti. Sbagliare sarà così praticamente impossibile.

E se il prodotto non viene riconosciuto? Niente panico. Basterà fotografarlo tramite la app e mandarlo a Junker con un clic, aggiungendo qualora fosse possibile delle indicazioni. In pochi minuti Junker risponderà con le info utili e il prodotto verrà aggiunto nell’archivio, a beneficio degli altri utenti. 

Una vera e propria rivoluzione nel mondo della differenziata e per Settebagni. A partire da oggi, 23 febbraio 2017 e per sei mesi, il servizio Junker, patrocinato dal Municipio Roma III, sarà a disposizione a titolo gratuito e sperimentale in quell'area. In questo periodo - si legge sul sito istituzionale - sarà fornito il servizio di helpdesk, di feedback agli utenti, i calendari, le news di quartiere, i punti e le info di conferimento, con la possibilità di segnalare i punti di raccolta speciale (abiti, pile, farmaci ecc.) nel quartiere Settebagni e ottenere le informazioni richieste per ogni prodotto.

Ma Junker è un app "intelligente" e potrà servire anche lontani da casa. Junker infatti localizza al primo accesso e quindi, sapendo in quale Comune si trova l'utente, può dare le info relative al modello di raccolta differenziata che vige in quella specifica zona. E in caso di spostamento basta rilocalizzarsi e la app ricalibrerà le info sulle nuove coordinate. 

Un'applicazione che rende Settebagni doppiamente orgoglioso: prima per essere stato scelto come area di sperimentazione, poi e soprattutto perchè l'idea nasce da un team di cui fa parte una residente del quartiere. 

A dar vita a Junker infatti un gruppo di ingegneri e informatici che, viaggiando molto per lavoro, si trovava a dover ricominciare ogni volta a studiare il modello di raccolta differenziata in ogni nuova città: da qui la geniale intuizione di inventare Junker e rendere un servizio così utile per tutti. 

"L’inizio di un progetto straordinario, che da subito è piaciuto a utenti, Comuni e Grandi Gestori come HERA e ha raccolto premi e riconoscimenti. A marzo 2015 la prima release di Junker app è andata on line sugli store Android e Apple e l’avventura è cominciata" - scrivono gli ingegneri di Giunko srl che da oggi e almeno per i prossimi sei mesi renderanno la vita dei residenti di Settebagni molto più facile.

Tra campagne informative e applicazioni tecnologiche non c'è davvero più alcun alibi per non conferire in modo corretto, e utile all'ambiente, i propri rifiuti.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento