MontesacroToday

Torce per tutti a Porta di Roma: un anno di buio tra furti di rame e contenziosi

Nel quartiere del Municipio III si vive nell'oscurità da mesi: ognuno si organizza come può tra pile per camminare al sicuro, vigilantes privati e insegne dei negozi accese. Lunedì l'incontro forse risolutivo tra ACEA Reti e costruttori

foto Facebook: Parco delle Sabine / Porta di Roma

Porta di Roma ancora al buio. Lampioni spenti e strade nell'oscurità per il quartiere del Municipio III non sono affatto una novità: qui i residenti, da oltre un anno, denunciano infatti i disservizi che li costringono praticamente a vivere nelle tenebre. 

Tante al calar del Sole le problematiche a cui l'intera zona va incontro: scarsa e quasi nulla la visibilità nelle vie con gli automobilisti, quelli più prudenti, costretti a procedere a passo d'uomo e i pedoni ad attraversare sperando nel rispetto della segnaletica stradale ma soprattutto con l'auspicio di essere visti. 

Qui il buio ha poi spianato la strada anche alla microcriminalità con appartamenti, negozi e box violati; lunga anche la serie di auto ritrovate senza gomme sui mattoni. 

Così da qualche tempo a Porta di Roma gli abitanti girano con le torce elettriche o da smartphone in tasca e i negozianti, per preservare le proprie attività e pure per fornire un aiuto alla cittadinanza, lasciano le insegne accese. Le uniche fonti luminose ad oggi presenti nel quartiere. 

Insomma tra tecnologia e pure vigilantes privati ognuno qui si arrangia come può in attesa che, dopo tante promesse, torni finalmente la luce. 
Risolto, a quanto riportano da Piazza Sempione, il contenzioso tra ACEA Distribuzione e i costruttori "rei" sostanzialmente di non aver pagato la bolletta lasciando il quartiere nell'oscurità.

Ancora da dirimere tuttavia l'altra intricata contesa: quella con ACEA Reti per la messa a norma dei lampioni. Qui i costruttori, che hanno ancora in carico l'intero impianto, dovranno necessariamente riparare i guasti derivanti soprattutto dal furto dei cavi: centinaia di metri quelli trovati nascosti dai residenti nel corso di un intervento di ripristino del decoro. 

E sulla vicenda potrebbe registrarsi un importante passo in avanti già, si fa per dire, lunedì prossimo quando in Campidoglio si incontreranno le parti in causa: "Quello di lunedì non è il primo ma speriamo sia l'ultimo degli incontri propedeutici alla risoluzione di questa vicenda annosa. L'auspicio - ha detto a RomaToday il minisindaco del Municipio III, Paolo Marchionne - è quello che si giunga ad un accordo bonario tra le parti e che nel giro di un mese a Porta di Roma venga ripristinata l''illuminazione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occhi puntati quindi su quanto accadrà a Palazzo Senatorio tra pochi giorni: il prossimo mese dunque il quartiere potrebbe rivedere la luce. Con la speranza che non si tratti però di un Pesce d'Aprile. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento