MontesacroToday

Da baraccopoli a insediamento abusivo: l'eterna dannazione de La Cesarina

L'area dell'ex campo rom tra occupanti, roghi e rifiuti

Fumi acri che si innalzano neri e densi tra il verde della Marcigliana, cumuli di rifiuti ovunque e famiglie accampate tra vecchi manufatti e terriccio, qualcuno all'addiaccio. Che dire anche di quel sospetto via vai di furgoni che arrivano, caricano merce e scaricano qualunque materiale lungo la strada andandosene poi indisturbati.

La Cesarina: da campo rom a insediamento abusivo

L'ex campo nomadi de La Cesarina, "villaggio della solidarietà" chiuso nel dicembre del 2013, sembra essere a tutti gli effetti rinato. Questa volta come insediamento abusivo. Li, indecente e stabile, ormai da tempo.

Tante le segnalazioni dei residenti preoccupati per la convivenza con un agglomerato di tende e casupole del tutto fuori controllo.  

La Cesarina: l'ex campo rom dove ora si vive tra fango, macerie e rifiuti

La denuncia: "Situazione di illegalità fuori controllo"

"Una situazione di illegalità, più volte denunciata, arrivata all’estremo dove vivono accampate senza alcuna minima condizione di sicurezza diverse famiglie e minori. E negli ultimi tempi, ci fanno sapere i cittadini, si vede un continuo via vai di furgoni che caricano e scaricano merce da auto targate Romania, e non vorremmo che si trattasse di materiale illegale, rubato o contraffatto" - denunciano Fabrizio Ghera, capogruppo in Campidoglio di Fdi-An  e Manuel Bartolomeo, ex consigliere nel Municipio III.

Un campo, rinato abusivo, nel quale, negli anni passati, agli sgomberi non seguirono controlli adeguati per scongiurarne il ritorno. 

La richiesta: "Campidoglio smantelli insediamento"

"Oggi i Cinque Stelle non sembrano affatto interessati a risolvere la vicenda" - accusano Ghera e Bartolomeo. 

La richiesta è che il Campidoglio intervenga per smantellare l'accampamento abusivo e ripristinare le necessarie condizioni socio-sanitarie e di sicurezza, "visto che - incalzano i due - sono presenti anche minori e poiché all’interno dell’insediamento vengono bruciati i corrugati per estrarre il rame che provocano i famigerati roghi tossici che sono un danno per la salute dei cittadini".
 

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • Come vestirsi ad un matrimonio d'estate: consigli di stile

I più letti della settimana

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Perde il controllo della moto e finisce contro il guardrail: morto 27enne romano

  • La tanica di benzina nei filmati di videosorveglianza: svolta nel giallo di Torvaianica

  • Interrogatori, autopsia e filmati delle telecamere di sorveglianza: giallo di Torvaianica verso la svolta

  • Rapina al McDrive, poi la fuga e lo schianto in scooter

  • Torre Gaia: aggredita sulle scale della metro C, ferita una 15enne

Torna su
RomaToday è in caricamento